zucca

Ricette con la zucca – gluten free

Siamo ormai in autunno e la natura ci delizia con i suoi colori caldi: le sfumature sono infinite dal rosso all’arancione, dall’ocra al giallo.  Frutta e verdura non sono da meno; basta fare un giro tra i banchi del mercato per scorgere alimenti dai colori vivaci e intensi.  La zucca rientra tra questi ed è ricca di proprietà nutritive e benefiche; può essere considerato l’alimento autunnale per eccellenza.

Le proprietà della zucca: betacarotene, vitamina C e sali minerali

I componenti essenziali che costituiscono questo ortaggio sono il betacarotene, che gli conferisce il colore arancione; la sua assunzione è molto importante perché il nostro organismo lo utilizza per la formazione della vitamina A. Contiene inoltre le vitamine B ed E, l’ultima è nota per essere un ottimo antiossidante. La zucca è ricca di sali minerali come: il calcio, il fosforo, il potassio e il magnesio.

I semi in particolare, nonostante le piccole dimensioni, sono ricchi di acidi grassi omega 3 che hanno effetti positivi anche sulla pressione sanguigna. Si posso consumare freschi oppure tostati in forno per 15-20 minuti; possono essere dei validi sostituti ai soliti snack.

L’impiego in cucina della zucca è molto ampio e poiché esistono diverse varietà di zucca dal sapore più o meno dolce, questa può avere un gusto neutrale o più intenso, prestandosi così a svariate ricette in base alle esigenze; è proprio il suo sapore che gli  consente un impiego culinario sia nel salato sia nel dolce.

 

La stagione

La zucca ha una particolare esigenza termica che le permette di crescere al meglio ad una temperatura compresa  tra i 20 e 30°; di conseguenza la stagione adatta per seminare questo elemento è tra maggio e giugno.

Se tenuta in un ambiente fresco e asciutto, la zucca si conserva per lunghi periodi; una volta aperta però tende a disidratarsi, di conseguenza sarà opportuna tenerla in frigo solo per alcuni giorni. Una buona alternativa è congelarla.

 

Curiosità

La zucca è un alimento originario dell’America Centrale: secondo la tradizione fu Cristoforo Colombo che portò i semi al suo ritorno. Nonostante sia utilizzata nella cucina di svariati Paesi, inizialmente non fu apprezzata dagli europei che la utilizzavano prevalentemente per sfamare gli animali.

 

Quest’autunno puoi sbizzarrirti in cucina, sperimentano svariate ricette gustose e assolutamente gluten free:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.